Dalla vita del Profeta Muhammad MHMD

NB - Questo Testo è un estratto del Libro intitolato “The Message of Mohammad", by Athar Husain, e pubblicato in lingua inglese nel sito
Living Islam - Islamic Tradition : http://www.livingislam.org/o/mhmd_e.html

Traduzione in italiano di: http://groups.msn.com/SUFISMO

Descrizione del Profeta Muhammad MHMD

Si parlerà, tra le altre cose, di alcune delle caratteristiche personali del Profeta Muhammad MHMD , l’ultimo Inviato di Allah (Dio). Questo estratto è stato edito in forma ridotta per ridurne la lunghezza [e renderlo perciò più leggero e leggibile]. E’ stata comunque presa la massima cura per non cambiarne il contenuto in sha Allàh.

Il suo aspetto MHMD

Muhammad MHMD era di altezza leggermente superiore alla media. Era di configurazione robusta con le membra muscolari lunghe e le dita affusolate. I capelli della sua testa erano lunghi e spessi con alcune onde. La sua fronte era grande e prominente, le sue ciglia erano lunghe e spesse, il suo naso era inclinato, la sua bocca era in qualche modo larga ed i suoi denti ben distribuiti. Le sue guance erano spaziose e possedeva un sorriso piacevole. I suoi occhi erano grandi e neri con un tocco di colore marrone. La sua barba era spessa ed ai tempi della sua morte si contavano diciassette peli grigi in essa. Aveva una linea sottile di capelli fini sopra il suo collo ed il suo petto. Il suo passo era costante ed camminava così velocemente che altri trovavano difficile stare al passo con lui. Il suo viso era geniale ma, quando era sprofondato nei pensieri, occasionalmente aveva periodi lunghi di silenzio, tuttavia sempre si è mantenuto occupato con qualcosa. Non ha parlato inutilmente e quel che diceva era sempre approriato e non prolisso. A volte rendeva più chiare le sue parole ripetendo lentamente ciò che aveva detto. La sua risata assomigliava più ad un sorriso. Manteneva i propri sentimenti costantemente sotto controllo - una volta infastidito, si rivolgeva altrove o restava silenzioso, quando era lieto abbassava i suoi occhi (Shamail Tirmizi).

Abbigliamento del Profeta Muhammad MHMD

Il suo abbigliamento consisteva generalmente di una camicia, del tamad (pantaloni), di un mantello gettato intorno alle spalle e di un turbante. In rare occasioni , indossava abiti costosi regalategli dagli emissari dei paesi stranieri nell’ultima parte della sua vita (Ahmed, Musnad, Hafiz, Bin Qaiyyam) .

La sua tunica aveva parecchi rattoppi (Tirmizi).

Aveva pochi vestiti, ma li manteneva di una pulizia immacolata (Bukhari).

Desiderava che anche gli altri indossassero vestiti semplici ma puliti. Allorché vedeva qualcuno indossare vestiti sporchi commentava, "Perché quest’uomo non può lavarli ? ". (Abu Dawud, Capitolo "Vestito").

In un'altra occasione domandò ad una persona che indossava vestiti sporchi se avesse del reddito sufficiente. Ottenuta una risposta affermativa, osservò, "Quando Allah vi ha benedetti con la Sua generosità, il vostro aspetto deve rispecchiare questo" . (Abu Dawud)

Ed era solito osservare: "La pulizia fa parte della pietà"

Modo di vita del Profeta Muhammad MHMD

La sua casa non era che una capanna con le pareti di argilla non cotta e di un tetto fatto con foglie di palma intrecciati e coperti da una pelle di cammello. Aveva appartamenti separati per ciascuna delle sue mogli, una piccola stanza per ognuna di loro, costruita con i medesimi materiali. Il suo proprio appartamento conteneva un piccolo e stretto letto di corda, un cuscino imbottito di fogli di palma, una pelle di animale stesa sul pavimento e un contenitore porta-acqua di cuoio e di alcune armi. Questi erano tutti gli suoi effetti personali terreni, oltre ad un cammello, un cavallo e un certo pezzo di terra che acquistò nell’ultima parte della sua vita. (Bukhari, Muslim, Abu Dawud).

Una volta alcuni dei suoi discepoli, notando il segno del rude giaciglio [di corda] sul suo corpo, ebbero desiderio di donargliene uno più soffice, ma egli rifiutò gentilmente l’offerta, dicendo "che cosa io ho a che fare con le cose mondane. La mia relazione con il mondo è come quella di un viaggiatore che si riposa per un istante sotto l’ombra di un albero e poi riprende il cammino." Amr Ibn Al-Harith, un fratello acquistato del Profeta MHMD, disse che quando il Profeta MHMDè morto, non ha lasciato un centesimo, uno schiavo, uomo o donna, e nessuna proprietà tranne il suo mulo bianco, le sue armi e una parte di terra che aveva dedicato per il bene della Comunità. (Sahih Bukhari).

Ha raccomandato alla gente di vivere vite semplici ed egli stesso si è esercitato nelle austerità grandi. Anche quando era diventato il re virtuale dell'Arabia, ha vissuto una vita austera al confine con la privazione. Sua moglie ‘Aysha (radiaAllàhu anha) disse che ci fu appena un giorno nella sua vita in cui ebbe consumato due pasti completi. (Sahih Muslim, Vol.2, pagina 198).

Quando morì niente fu trovato in casa sua tranne alcuni semi di orzo rimasti dalla quantità del grano ottenuto da un ebreo impegnando la sua armatura. (Bukhari, Sahih Bukhari, Capitolo "Aljihad").

Egli aveva dichiarato illegale per sé e per la sua famiglia ogni cosa donata dalla gente sotto forma di zakat o di sadaqat (tipi di elemosina-carità). Era così preciso in questo che non nominò mai alcun membro della sua famiglia come collettore [raccoglitore] della zakat [elemosina legale]. (Sahah-Kitab Sadaqat).

Hazrat Muhammad MHMD Maniere e Disposizioni

"Per quale Misericordia da parte di Allah, hai mostrato dolcezza nei loro confronti? Se tu fossi stato rude e duro di cuore essi si sarebbero dispersi lontani da te " (Corano 3:159)

Circa se stesso il Profeta MHMDdisse " Allah mi ha inviato come Apostolo in modo che io mostri la perfezione del carattere, il perfezionamento dei modi e la delicatezza di comportamento." (2*) (Malik, Mawatta; Ahmed, Musnad; Mishkat)
Per natura era delicato e di cuore gentile, sempre propenso ad essere grazioso ed a trascurare i difetti degli altri. L’educazione e la cortesia, la pietà [compassione] e la tenerezza, la semplicità e l’umiltà, la comprensione e la sincerità erano alcuni dei tratti fondamentali del suo carattere. In fatto di diritto e di giustizia egli era risoluto e severo ma, più spesso che no , la sua severità era temperata con la generosità. Ha avuto maniere affascinanti che gli hanno guadagnato l'affetto dei suoi seguaci e gli hanno assicurato la loro devozione. Sebbene fosse virtualmente re dell'Arabia ed Inviato di Allah, non ha assunto mai un'aria di superiorità. Non ha mai dovuto celare qualcosa con il sotterfugio e l’artifizio: con il timore di Allah, l’umiltà sincera era trapiantata nel suo cuore. Soleva dire: "Sono un Profeta di Allah ma non conosco quale sarà la mia fine". (Bukhari, Sahih Bukhari, capitolo "Al-Janaiz")

In uno dei suoi sermoni pensato per infondere il timore di Allah [taqwà Allàh] e del Giorno del Rendiconto nei cuori della gente egli disse, "O gente dei Quraish siate preparati per la Vita Futura, io non posso salvarvi dalla punizione di Allah; O Bani Abd Manaf, io non posso salvarvi da Allah; O Abbas, figlio di Abdul Mutalib, io non posso proteggere neppure te; O Fatima, figlia di Muhammad, neppure te io posso salvare". (Sahihain)

Usava pregare, "O Allah! Sono soltanto un uomo. Se danneggio chiunque in qualunque modo, allora perdonami e non mi punire". (Ahmed, Musnad, volume 6 p. 103)

Sempre ha ricevuto la gente con la cortesia ed ha mostrato rispetto verso la gente più anziana, ed ha dichiarato: "Onorare un uomo anziano è mostrare rispetto nei confronti di Allah." Non rifiutava la cortesia neppure verso le persone malvagie. È riportato che una persona venne alla sua casa e chiese il permesso per esservi ammesso. Il Profeta MHMDnotò che non era una buona persona ma fu ammesso. Quando entrò e per il tempo in cui rimase nella casa, gli fu usata completa cortesia. Quando se ne andò ‘Aysha (radiyAllahu anha) disse, "Tu non pensi bene di quest’ uomo, ma lo ha trattato cosi bene." Il Profeta MHMDrispose, "Egli è una persona malvagia agli occhi di Allah, che non si comporta cortesemente e la gente evita la sua compagnia a causa dei suoi modi cattivi." (Bukhari, Sahih Bukhari)

Egli era sempre il primo a salutare un altro e non ritirava mai la sua mano dalla stretta del saluto finchè l'altro uomo non ritirava la sua. Se uno desiderava dirgli qualcosa nelle orecchie [di privato], non se ne andava via finchè questi non aveva terminato (Abu Dawud, Tirmizi).

Non gradiva che la gente si alzasse per lui ed usava dire, "Lasciate che colui che gradisce che la gente si levi in piedi in suo onore cerchi un posto nell'Inferno". (Abu Dawud, Kitabul Adab, Muhammadi Press, Delhi).

Egli stesso, tuttavia, si levava in piedi quando qualche dignitario veniva da lui. Si era levato in piedi per ricevere la nutrice che lo aveva allevato nell'infanzia ed aveva steso il suo proprio mantello per lei. Il suo fratello adottivo fu onorato con lo stesso trattamento. Evitava di sedersi in un posto prominente in una riunione, così che la gente che veniva aveva difficoltà ad individuarlo e doveva chiedere quale fosse il Profeta MHMD . Frequentemente degli incolti beduini si rivolgevano a lui nei loro propri modi rozzi e maleducati ma egli mai si offese.(Abu Dawud Kitabul Atama). Ha usato visitare il più povero delle persone indisposte ed esortava tutti i musulmani a fare altrettanto (Bukhari, Sahih Bukhari, capitolo "Visita alle persone indisposte").

Si sedeva con la più umile delle persone affermando che la rettitudine solamente era il test di verifica della superiorità di uno sopra un altro. Invitava egualmente la gente fossero stati essi schiavi, servi o i più poveri dei credenti, per condividere con lui i suoi pasti scarsi (Tirmidhi, Sunan Tirmidhi).

Ogni volta che visitava una persona in primo luogo lo salutava e poi gli domandava il permesso di entrare in casa. Ha raccomandato alla gente di seguire questa etichetta e di non infastidirsi se qualcuno avesse rifiutato di concedere il permesso, dato che era abbastanza probabile che la persona interessata fosse occupata con qualcosa d’altro e ciò non avrebbe costituito nessuna mancanza di rispetto. Non esisteva lavoro di casa troppo infimo o troppo indegno per lui. ‘Aysha (radiy-Allàhu anha) ha dichiarato; "Egli ha sempre partecipato al lavoro della famiglia, qualche volta rammendando i suoi vestiti, qualche volta riparando le sue scarpe o scopando il pavimento. Mungeva, metteva le pastoie e nutriva i suoi animali e faceva le compere per la famiglia". (Qazi Iyaz: Shifa; Bukhari, Sahih Bukhari, Capitolo: Kitabul Adab)

Non esitava a svolgere il lavoro di altri, specialmente degli orfani e delle vedove (Nasi, Darmi). Una volta, quando non era presente alcun membro maschio nella casa del compagno Kabab Bin Arat, usava andare quotidianamente a casa sua e mungere il suo bestiame per gli abitanti [della casa]. (volume 6 di Ibn Saad, p 213).

Il Profeta Muhammad MHMD ed i Fanciulli

Era particolarmente affettuoso con i bambini e soleva entrare nello spirito dei loro giochi fanciulleschi quando era in loro compagnia. Trovava divertimento con i bambini che erano ritornati dall’ Abissinia e provava a parlare in lingua abissina con loro. Era sua pratica prendere sul suo cammello i bambini quando ritornava dai viaggi. (Bukhari, Sahih Bukhari, Volume 2 p.886). Prendeva i bambini in braccio, giocava con loro e li baciava. Un compagno, ricordando la sua infanzia, disse ad esempio, "nella mia infanzia usavo far cadere i datteri gettando le pietre sulle palme. Qualcuno mi condusse dal Profeta il quale mi raccomandò di prendere i datteri che si trovano per terra ma senza fargli cadere con le pietre. Egli poi mi diede un buffetto e mi benedisse." (Abu Dawud)

Vita Quotidiana del Profeta Muhammad MHMD

Sull'autorità di Ali (kaw), Tirmidhi ha riportato che il Profeta aveva suddiviso con attenzione il suo tempo secondo le esigenze, per offrire il culto ad Allah e per gestire le sue questioni personali. Dopo la preghiera dell’alba [Salàt Fajr] egli rimaneva seduto in Moschea recitando gli elogi di Allah finché il sole sorgeva e più gente si era raccolta. Allora egli predicava loro. Terminato il sermone si intratteneva cordialmente con la gente, domandava circa il loro stato e scherzava perfino con loro. Le tasse ed i redditi erano inoltre distribuiti in quel momento (Sahih Muslim, Tirmidhi, Sunan Tirmidhi). Allora offriva preghiere e ritornava a casa impegnandosi nel lavoro della famiglia. (Bukhari, Muslim, Tirmizi). Egli ancora ritornava alla moschea per le preghiere del mezzogiorno [Salàt Dohr] e del pomeriggio [Salàt ‘Asr] ascoltava i problemi della gente e forniva loro consigli e soluzioni. Dopo la preghiera del pomeriggio, visitava ciascuna delle sue mogli e, dopo la preghiera della sera [Salàt Maghrib] le sue mogli si radunavano ed egli consumava la sua cena. (Sahih Muslim).
Dopo la preghiera della notte [Salàt ‘Ishà], recitava alcune sure del Corano e prima di addormentarsi pregava: "O Allah, muoio e vivo con il nome tuo sulle mie labbra”. Alzandosi diceva, "Ogni Lode ad Allah che mi ha dato la vita dopo la morte e verso il Quale è il ritorno". Egli usava pulire i suoi denti cinque volte al giorno, prima di ciascuna delle preghiere quotidiane. Dopo la mezzanotte, usava alzarsi per la preghiera del tahajjud che non ha mai mancato neppure una volta nella sua vita. (Sahih Bukhari).
Non era fastidioso [non si lamentava] a proposito del suo giaciglio: a volte dormiva nel suo piccolo letto [di corda], a volte su una pelle o su materassi normali ed a volte anche sulla terra (Zarqani).
Il venerdì soleva tenere sermoni dopo la preghiera settimanale della “Salàt Al- Jumu`a". Non era infastidito se qualcuno lo interrompeva per qualche motivo durante i sermoni. Accadde una volta, mentre stava tenendo il suo sermone, che un beduino si avvicinasse a lui dicendo, "O Inviato di Allàh, sono un viaggiatore e un ignaro della mia religione." Il Profeta discese dal pulpito, gli spiegò le caratteristiche salienti dell’Islam e poi riprese il suo sermone (Tirmidhi, Sunan Tirmidhi).
In un'altra occasione il suo nipote Husain, ancora bambino, cadde davanti a lui mentre stava tenendo un sermone. Egli discese e, presolo in braccio, continuò il suo sermone (Ibid).

La Sua MHMD Fede in Allah Subhanahu wa ta`ala Muhammad MHMD

esortava la gente ad affidarsi ad Allah, Subhana-Hu wa Ta’ala. La sua vita intera era un esempio di applicazione di questo precetto. Nella solitudine di Makkah [Mecca], nel mezzo della persecuzione e del pericolo, nelle avversità e nelle tribolazioni, tra le moltitudini dei nemici nelle battaglie di Uhud e di Hunain, la sua MHMD fede completa e fiducia in Allah Subhana-Hu wa Ta’ala appare come la caratteristica dominante nella sua vita. Comunque grande fosse il pericolo che stava affrontando, egli mai perdeva la speranza e non permetteva a se stesso di agitarsi eccessivamente. Abu Talib [zio del Profeta] conosceva i sentimenti dei Quraish quando il Profeta iniziò la sua missione. Inoltre sapeva fin dove i Quraish sarebbero stati capaci di arrivare ed ha invitato il Profeta ad abbandonare la sua missione, ma la sua definitiva e tranquilla risposta fu: "Caro zio, non allontanarmi dalla mia solitudine. La Verità alla fine sarà aiutata [ad emergere]. Tutta l'Arabia e più ancora abbracceranno la causa [l’Islam]." (Ibn Hisham, Sirat-ur-Rasul.).
Quando l'atteggiamento dei Quraish si fece più minaccioso [verso il Profeta], Abu Talib aveva pregato ancora il suo nipote di rinunciare alla sua missione, ma la risposta del Profeta MHMDfu: "O zio mio, se loro mettessero il sole nella mia mano destra e la luna nella mia mano sinistra, per forzarmi a rinunciare alla mia missione, in verità io rifiuterei e non cesserei fino a che Allah non rendesse manifesta la Sua causa, o io perissi [morissi] nel tentativo di farla conoscere". (Ibid)
Ad un altro che lo consigliava, gli disse, "Allah non mi lascerà solo a lungo" . Un discepolo rifiutato ed oppresso [dai nemici] fu confortato con le parole: "Per Allah, il giorno è vicino quando questa fede raggiungerà il suo apice e nessuno dovrà temere nessun’altro, ma solamente Allah". (Sahih Bukhari)
Era la stessa fiducia in Allah, Subhana-Hu wa Ta’ala, che incoraggiava il Profeta MHMDa dire [recitare e fare] apertamente le sue preghiere nel Sacro Harâm fronteggiando l’opposizione [dei Quraish]. Una volta i Quraish si radunarono tra loro cospirando per mettere termine alla sua vita la prossima volta che egli fosse entrato nel Harâm. Sua figlia Fatima, alla quale capitò di ascoltare i loro discorsi si recò subito dal padre piangendo, al fine di metterlo al corrente dei propositi dei Quraish. Egli la consolò, fece le sue abluzioni ed andò alla Kaaba a compiere le preghiere. I Quraish quando lo videro ne furono costernati. (Ahmed, Musnad, volume 1, p. 368).
Quando lasciò la sua casa per Madinah chiese ad Ali (radiya-Allàhu anhu) di dormire al suo posto nel suo letto dicendogli , "Non ti preoccupare, nessuno potrà farti alcun danno" (Tabari, Ibn Hisham)
Benché i nemici avessero circondato la sua casa, egli uscì indisturbato recitando il versetto coranico: "Abbiamo innalzato una barriera davanti a loro ed una barriera dietro di loro e (così) li abbiamo coperti in modo che non vedessero" ( Corano 36:9)
Abu Bakr (radiya-Allàhu anhu) si impaurì quando gli inseguitori giunsero in prossimità della caverna in cui lui ed il Profeta Muhammad MHMD stavano nascondendosi durante la loro fuga [da Mecca a Medina], ma il Profeta MHMD lo rincuorò, "Non addolorarti Allah è con noi." Una protezione fu costruita intorno alla casa del Profeta MHMD in Madinah a causa del pericolo che lo circondava ma egli MHMD la fece smantellare quando gli fu rivelato il versetto del Corano: "Allah ti proteggerà dalla gente" (Corano 5:67).
Un uomo fu scoperto mentre tendeva un’imboscata per assalire il Profeta MHMD ed egli disse, "Anche se questo uomo desiderasse uccidermi, egli non potrebbe farlo". (Ahmed, Musnad, Vol.3 p. 471)
Un’ ebrea di Khaibar aveva messo del veleno nel cibo del ProfetaMHMD. Egli sputò dopo averne mangiato un pezzetto, ma un compagno che fece la stessa cosa morì il giorno seguente. L’ebrea fu condotta dal Profeta MHMD che la interrogò: "Perché hai fatto questo?" "Per ucciderti", fu la sua risposta sprezzante. Gli fu risposto, "Allah non avrebbe permesso che tu lo facessi". (Sahih Muslim.)
Nella battaglia di Uhud quando l'azione della retroguardia dell'esercito dei Meccani aveva disorganizzato l'esercito musulmano ed aveva aggirato le difese, il Profeta MHMD stette in piedi fermo come roccia anche se aveva subito ferite egli stesso. Quando Abu Sufiyan derise i musulmani gridando "vittoria a hubal!" (hubal era uno dei loro idoli), il Profeta MHMD chiese ad Umar (radiya-Allàhu anhu) di rispondere, "Allah è il nostro protettore ed amico. Voi non avete protezione nè amico. Allah è Grande, Magnifico”. (Ibn Hisham, Sirat-Ur-Rasul).
Ancora nella battaglia di Hunain, quando l'assalto inatteso aveva indebolito la forza dei musulmani ed una sconfitta sembrava imminente, il Profeta MHMD non si mosse. Con la fiducia in Allah (swt) egli mostrò un tale coraggio che l'esercito musulmano si riorganizzò dietro di lui ottenendo una sonante vittoria.

Giustizia del Profeta Muhammad MHMD

Il  Profeta MHMDha richiesto alla gente di essere giusti e generosi. Come supremo giudice ed  arbitro, come  guida degli uomini, come possessore di un potere crescente, come riformatore ed apostolo, egli ha sempre avuto a che fare con gli uomini e con i loro affari. Ha avuto spesso l’occasione di trattare con tribù reciprocamente ostili che si facevano la guerra, in situazioni in cui, mostrando giustizia nei confronti di una avrebbe generato il pericolo di una reazione negativa dell'altra, ma non ha deviato mai dalla via della giustizia. Nell'amministrazione della giustizia, non ha fatto distinzione fra i credenti ed i non-credenti, tra gli amici ed i nemici, tra coloro di posizione sociale alta oppure bassa. Citiamo alcuni tra i numerosi casi riportati nelle tradizioni (ahadith) pervenute a noi.

Sakhar, un capo tribù, aveva aiutato notevolmente MuhammadMHMD nel caso di Taif, per cui egli  MHMDfu sempre riconoscente nei suoi confronti. Poco dopo, due accuse furono portate contro Sakhar: una, da parte di Mughira, di illegale reclusione nei confronti di una sua (di Mughira) zia e l'altra da Banu Salim per occupazione forzosa della sua sorgente da parte di Sakhar. In entrambi i casi, il Profeta MHMD decise (giudicò) contro Sakhar e lo condannò a riparare il torto. (Abu Dawud, Sunan Dawud, p.80

Uno dei compagni, Abdallàh bin Sahal, fu deputato (incaricato) come esattore presso gli ebrei di Khaibar. Suo cugino Mahisa lo accompagnò ma, giunti a Khaibar, si erano separati. Abdallah fu assassinato in un agguato. Mahisa segnalò questo evento al Profeta MHMDma poichè non vi erano testimoni oculari per identificare il colpevole, egli MHMDnon disse nulla agli ebrei e non pagò il prezzo del sangue con i soldi delle entrate. (Bukhari, Sahih Bukhari Nasai).

Una donna della famiglia di Makhzoom, influente e di buona reputazione fu trovata colpevole di furto. Per il prestigio del Quraish, qualche persona eminente tra di loro, compreso il compagno Asama bin Zayd, intervenne per salvarla dalla punizione. Il ProfetaMHMD rifiutò di condonare il crimine ed  espresse il suo fastidio (per questi interventi), dicendo "molto si è rovinata una Comunità nel passato punendo soltanto i poveri ed  ignorando le colpe di coloro che avevano una posizione (sociale) elevata.  Per Allah, se mia figlia Fatima avesse commesso lei il furto, anche la sua mano  sarebbe stata tagliata." (Bukhari, Sahh,  capitolo "Al-hudûd")

Gli ebrei, nonostante la loro ostilità al Profeta MHMD, erano cosi impressionati dalla sua imparzialità e dal suo senso di giustizia che erano soliti portare i loro casi davanti a lui ed egli li giudicava secondo la legge ebraica.(Abu Dawud, Sunan Dawud)

Una volta, mentre stava distribuendo il bottino di guerra, la gente si era talmente affollata intorno lui che un uomo quasi gli cadde addosso.  Egli respinse quell’uomo con un bastone  causandogli una leggera abrasione. Era così dispiaciuto di questo che disse a quell’uomo  che avrebbe accettato la sua vendetta, ma l'uomo rispose, "O Inviato di Allah, io ti perdono". (Abu Dawud, Kitablu Diyat).

Durante la malattia che lo portò alla morte, il Profeta MHMD affermò in un consesso di gente radunata davanti alla sua casa (venuta ad ascoltarlo) che se egli  fosse stato in debito di qualche cosa con qualcuno, la persona interessata avrebbe potuto esigerla; se mai avesse danneggiato la persona di qualcuno, il suo onore o la proprietà, ne avrebbe potuto pagare il prezzo mentre era ancora in questo mondo. Il silenzio cadde sulla folla. Un uomo solo si fece avanti reclamando alcuni dirhams che furono pagati immediatamente. (Ibn Hisham, Sirat-ur-Rasul)

Il suo MHMD senso di equanimità [uguaglianza]

Hazrat Muhammad MHMDingiungeva alla gente di evitare il concetto di superiorità basato su concetti mondani come le nozioni di razza, di famiglia o di qualunque altra forma di questo tipo ed affermava che la rettitudine soltanto fosse il criterio di verifica della superiorità di uno sopra un altro. Già è stato evidenziato come egli MHMD si mescolasse con tutti in condizioni di uguaglianza, come pure mangiasse con gli schiavi, i servi ed i più poveri sulla stessa tovaglia (una pratica che ancora oggi è seguita in Arabia), e come rifiutasse tutti i privilegi e lavorasse come un qualsiasi normale lavoratore. Due casi possono, tuttavia, essere qui citati : Una volta il Profeta MHMD fece visita al compagno Saad bin Abadah. Mentre stavaMHMD ritornando, Saad inviò suo figlio Quais con lui MHMD. Il Profeta MHMD chiese a Quais di montare sul suo cammello assieme a lui MHMD. Quais esitava per rispetto, ma il Profeta MHMD insisteva: "o monti sul cammello o ritorni indietro". Quais decise di ritornare indietro. (Abu Dawud, Kitabul Adab) In un'altra circostanza il Profeta MHMDstava viaggiando sul suo cammello in un terreno collinoso in compagnia di Uqba bin Aamir. Dopo aver percorso una certa distanza, chiese a Uqba di guidare il cammello, ma Uqba pensò che questo significasse mancare di rispetto al Profeta MHMD. Ma il Profeta MHMD insistette ed egli dovette acconsentire. Il Profeta MHMD stesso proseguì a piedi poichè non desiderava caricare troppo l’animale. (Nasai p. 803) Tra i prigionieri della battaglia di Badr vi era anche Abbas, lo zio del Profeta MHMD . Qualcuno tra la gente stava per rinunciare alla propria parte per consentire al Profeta MHMD di pagare il riscatto ma questi MHMD rifiutò dicendo che egli MHMD non faceva distinzioni. (Bukhari, Sahih Bukhari, capitolo "Riscatti") Durante una sosta di un viaggio, i compagni avevano suddiviso il lavoro fra di loro per preparare il cibo. Il Profeta MHMD si incaricò di raccogliere la legna da ardere. I suoi compagni supplicarono che non lo facesse e che non si assumesse questa difficoltà, ma egli MHMD rispose, "E’ vero, ma non gradisco attribuirmi alcun privilegio. Allah non gradisce l'uomo che si consideri superiore ai suoi compagni." (Zarqani, volume 4 p. 306)

La sua MHMD tenerezza verso gli animali
Il Profeta MHMDnon solo predicava alla gente la gentilezza nei confronti del prossimo ma anche nei confronti di ogni essere vivente. Disapprovava la pratica di tagliare la coda e la criniera dei cavalli, di marchiare a caldo gli animali nelle parti molli e di mantenere i cavalli sellati inutilmente (Sahih Muslim). Se vedeva qualche animale sovraccaricato o malnutrito egli rimproverava il proprietario dicendo “Temi Allàh nel tuo modo di trattare gli animali “.(Abu Dawud, Kitab Jihad).
Uno dei compagni venne dal Profeta MHMD con un piccolo uccellino nel mantello dicendo che la madre lo aveva abbandonato e lasciato solo. Egli allora si recò a riportare l’uccello nel suo nido (Mishkat, Abu Dawud)
Durante un viaggio qualcuno raccolse delle uova di uccello da un nido. L’uccello si lamentò attirando l’attenzione del Profeta MHMDche chiese che le uova fossero rimesse al loro posto (Sahih Bukhari).
Mentre i suoi MHMD uomini marciavano verso Makkah per conquistarla, passarono presso una cagna con i cuccioli. Il Profeta MHMD diede non soltanto ordine che non dovessero essere disturbati, ma addirittura inviò un uomo per accertarsene. Dichiarò, "Invero, vi è una ricompensa in Paradiso per ogni atto di bontà fatto ad un animale vivente."

Il suo MHMD amore per il povero

Il Profeta MHMDincoraggiava i musulmani ad accudire i poveri ed aiutarli con elemosine, zakat ed in altri modi. Diceva: " colui che mangia il suo cibo e lascia il suo vicino affamato non è un musulmano perfetto”. Egli domandava, "Amate il vostro creatore? Amate allora in primo luogo coloro che hanno relazione con voi". Nell’Islam il monopolio è illegale ed egli predicava che "è difficile per un uomo appesantito dalle ricchezze percorrere la strada ripida che porta alla benedizione." Non ha proibito o scoraggiato l’acquisizione di ricchezza ma insisteva che cio’ fosse legittimamente ottenuto attraverso mezzi onesti e che una parte di esso andasse al povero. Raccomandava i suoi seguaci "di dare al lavoratore la sua mercede [salario] prima che il suo sudore si asciugasse su di lui."
Non approvava però neanche la mendicità e dichiarava che "Allah è soddisfatto di colui che si guadagna la vita tramite il suo proprio lavoro e che se un uomo elemosina per aumentare la sua proprietà, Allah la diminuirà e chiunque ha cibo per il giorno, è proibito per lui chiedere elemosina". Ad una delle sue mogli disse, "O ‘Aisha, ama i poveri e lasciali venire a te ed Allah ti designerà vicino a Sé." (Sahih Bukhari)
Qualche caso che illustra la sollecitudine del Profeta MHMDper i poveri : Un medinese, Ibad ibn Sharjil , era una volta affamato. Entrò in un frutteto e prese qualche frutto. Il proprietario del frutteto gli diede una sonora battitura e li tolse i suoi vestiti. Il pover'uomo fece appello al Profeta MHMDche riprese il proprietario in questo modo: "questo uomo era ignorante, tu avresti dovuto rimuovere la sua ignoranza; era affamato, e tu avresti dovuto nutrirlo." I vestiti furono restituiti al medinese con, in più, una certa quantità di grano. (Abu Dawud, Kitabul Jihad).
Un debitore, Jabir ibn Abdallàh, era tormentato dal suo creditore poichè non poteva saldare il suo debito a causa della rovina del suo raccolto di datteri. Il Profeta MHMD andò con Jabir a casa del creditore a supplicarlo che concedesse a Jabir un po' più di tempo ma il creditore non si smosse. Il Profeta MHMD allora andò all'oasi e vedendo egli stesso MHMD che il raccolto era realmente scarso, si recò nuovamente dal creditore senza però miglior risultato . Allora lasciò trascorrere un certo tempo e si recò dal creditore per la terza volta ma quest’ultimo era sempre risoluto [a non concedere altro tempo]. Il Profeta MHMD allora ritornò all’oasi e chiese a Jabir di raccogliere i datteri, poichè, con il permesso di Allah, il raccolto sarebbe bastato non soltanto per eliminare i debiti ma ne sarebbe anche avanzato qualcosa. (Sahih Bukhari).
Il suo amore per il povero era così intenso che ha usava pregare: "Allahumma, mantienimi povero nella vita e nella morte ed innalzami il Giorno della Resurrezione fra coloro che sono poveri". (Nasai, Capitolo: Perdono)

Il Suo MHMD carattere

Interrogata circa il carattere del Profeta MHMD , ‘Aisha (radia-Allàhu anha) rispose: “ Non hai letto il Corano ?
Il carattere dell’Inviato di Allah MHMD era il Corano”
“ fa-inna khuluqa nabiyyi-LLâhi MHMD kâna -l Qur'âna”
(Sahîh Muslim, Kitâb al-salât, hadith no. 16239)

Amici miei, ho preparato tutto cio’ con cura grande, io prego Allah che vi conceda il perdono.
Di Muhammad Rizwan Talib ©








next page

 

 

vs.2.3


home

latest update: 2012-07-11

2006-05-21

* living Islam – Islamic Tradition *
http://www.livingislam.org